Nei tempi remoti, il nostro progenitore più antico guardò in alto e vide le stelle. Sentì nel profondo di se stesso la necessità di raccontare ciò che provava dinanzi alle luci infinite del cielo. Nacque la poesia. Gli echi di tale meraviglioso racconto si fanno sentire nelle pagine di sempre: le stelle ispirano, guidano, confortano, muovono domande, sono sguardi amorosi, incantano, sorridono, accompagnano, rispondono ai piccoli bagliori sparsi sulla terra. Sono distanti e silenziose oppure confidenti e care. Come il cielo è infinito così la voce dei poeti.

Richiedi Partecipazione