1860-1866-1870 Tre date fondamentali nella storia della nascita dell’Italia, stato unitario.
Nel 1860 a Torino si uniscono Milano, Firenze, Napoli, Palermo coi loro stati, nel 1870 arriva per ultima Roma e nel 1866 Venezia e il Veneto.
Ma mentre nel '60 e '70 la vittoria sul campo precede l’annessione al regno di Vittorio em. secondo, nel 1866 gli eventi militari non sono alla base della vittoria finale.
La terza guerra di indipendenza vive momenti travagliati tra sconfitte e parziali vittorie. Solo attraverso la Francia l’Italia riuscirà ad ottenere il Veneto e il Friuli nella pace di Vienna del 3 ottobre 1866. Verona fino all’ultimo resterà occupata dalle truppe austriache che lasceranno la città solo il 16 ottobre. Le autorità cittadine si trovarono nel difficile compito della transizione il più possibile incruenta tra il potere imperiale di Vienna e il nuovo stato italiano. Ci riusciranno in gran parte anche se non mancarono scontri violenti.

Tutto questo hanno esaminato i due relatori, sfogliando documenti in gran parte inediti che riguardano l’attività del consiglio comunale di quel periodo e i protocolli di intesa fra le tre parti allora presenti al momento del passaggio dei poteri: Italia - Francia - Austria coi loro plenipotenziari.
Uno spaccato di storia che viene qui presentato a 150 dalla ricorrenza.


Relatori: Gianni Amaini e Silvano Zavetti

Venerdì 28 Ottobre 2016 ore 16,00
presso l'Auditorium Fondazione Toniolo Via seminario, 8 - Verona

Ingresso Libero